13 – 14 ottobre 2018 – escursione Cretaio-Forio / Bocca di Tifeo- Baia della Pelara

Escursioni organizzate della Sezione CAI di Piedimonte Matese del 13 e 14 ottobre, che si svolgeranno a Ischia, in cui la Sottosezione CAI di Ischia farà da supporto.

1) DAL CRETAIO A FORIO
DIFFICOLTA’ E
DURATA 6 ORE ca. comprese soste
DISLIVELLO IN SALITA 580 MT.
DISLIVELLO IN DISCESA 500 MT.
10,00 Km. ca.
Appuntamento Giorno 13 Ottobre ore 9,50 località posta Lubrano (cretaio vicino maneggio dei cavalli). Il sentiero ha inizio in località Cretaio a nord-est dell’isola (loc. Posta Lubrano 250 mt. s.l.m.) da qui ci si inerpica su una vecchia scalinata utilizzata nel 1500 per la costruzione dell’acquedotto di Buceto che serviva i nobili della zona antica di Ischia Ponte. Continueremo il nostro sentiero attraversando una cava ricca di umidità e di vegetazione e potremo ammirare bardane, orchidee selvatiche, calle selvatiche, varie tipologie di felci etc.. Raggiungeremo Piano San Paolo (430 mt. s.l.m.) dove la particolarità è data dalla sabbia che sostituisce il terreno. Proseguiremo per la visita della cisterna Borbonica ed attraverseremo la zona del Toccaneto (594 mt. s.l.m.) fino ad arrivare sulla strada che ci porta all’Epomeo (789 mt. s.l.m.). Nel godere un panorama unico che abbraccia l’isola per intero auspichiamo di trovare aperto l’eremo di San Nicola particolarissimo in quanto scavato interamente nel tufo. Scenderemo verso il lato sud dell’isola per raggiungere la “Pietra dell’acqua”, vecchio serbatoio idrico scavato nella roccia. Ancora scenderemo verso la Falanga (dai 400 ai 500 mt s.l.m) per ammirare, immersi in un florido castagneto, il “villaggio delle case nella pietra”, i “nevai” ed i “vecchi palmenti”. Arrivati alla “pietra perciata” scenderemo verso Santa Maria al Monte.

2) BOCCA DI TIFEO, BAIA DELLA PELARA
DIFFICOLTA’ E
DURATA 4 ORE ca.
DISLIVELLO IN SALITA 400 MT.
DISLIVELLO IN DISCESA 400 MT.
5,00 Km. ca.
Appuntamento giorno 14 ottobre, ore 9,00, campo sportivo di Panza. L’escursione inizia nella zona di zona di Panza a ponente dell’isola. Saliamo verso un “campo Fumarolico” denominato “le fumarole di Donna Rachele”. Possiamo, in questa zona assistere ad uno degli spettacoli vulcanici ancora attivi sulla nostra isola. Continuando a salire incontriamo le “Parracine” muretti a secco che sono venuti alla luce in seguito agli incendi della scorsa estate. Continuiamo a salire verso “la bocca di Tifeo” enorme fumarola che fuoriesce dalla parte bassa di un grande masso. Qui possiamo ammirare il “Papiro delle fumarole” ed i “fichi d’India” che hanno le radici direttamente nella fumarola. Iniziamo la fase di discesa e dopo aver attraversato la contrada di Panza ci immergiamo in un boschetto per poi affacciarci alla “baia della Pelara”. In questa zona possiamo notare in maniera evidente la formazione geologica dell’isola oltre allo spettacolare panorama.

SCARPE DA TREKKING OBBLIGATORIE, ABBIGLIAMENTO A STRATI, EVENTUALE IMPERMEABILE, BASTONCINI, MACCHINA FOTOGRAFICA, SE POSSIBILE ANCHE UNA TORCIA, ACQUA PER USO PERSONALE (suggeriamo almeno 1,5 lt per il primo giorno), NON CI SONO POSSIBILITA’ DI ACQUISTARE ALIMENTI E BEVANDE DURANTE I SENTIERI

Referenti escursione Vito Forni (cell. 3478719249), Francesco Mattera (cell. 3297448752), Alexandra Mattera (cell. 3391055605).

domenica 14 ottobre 2018 – escursione Monte Maggiore

Rocchetta e Croce (CE)

ESCURSIONE MONTE MAGGIORE M 1036 CON BUS TURISTICO 

Data: DOMENICA 14 OTTOBRE 2018

Gruppo Montuoso: MONTI TREBULANI

Dislivello: 600 m

Difficoltà: E

Durata: 5 ore

Direttore: Antonio Fiorentino 3337373268

Domenica 14 ottobre 2018 interessante escursione con bus turistico, se si raggiunge il numero sufficiente, si parte dalla frazione di Rocchetta e Croce attraversa l’antico borgo di Croce m. 459 un primo tratto facile ma roccioso si entra nel bosco di faggio e larici. Si sale sempre per Continue reading

7 otttobre 2018 – escursione sentiero degli dei

Sentiero degli dei (Path of the gods)  

ESCURSIONE – SENTIERO DEGLI DEI (da Agerola – Bomerano a Positano – Nocelle)
PARCO REGIONALE DEI MONTI LATTARI

DATA: 7 ottobre 2018

Quota massima: m. 633
Quota minima: m. 420
Dislivello complessivo: m: 213
Lunghezza: Km 12 ca. A/R
Durata complessiva: ore 5 soste escluse
Difficoltà: E
Equipaggiamento: abbigliamento a strati da media montagna, giacca a vento o mantella, scarponcini da trekking, bastoncini telescopici (consigliati), kit pronto soccorso, macchina fotografica
Colazione: al sacco oppure pranzo FACOLTATIVO al ristorante Santa Croce situato al termine del Sentiero degli Dei nei pressi della Chiesa di Nocelle
Acqua: possibilità di rifornirsi presso la piazza di Bomerano
Mezzi di trasporto: auto proprie
Appuntamenti: contattare il direttore di escursione
Rientro previsto a Napoli: ore 18,00 circa
Carta dell’escursione: Carta dei sentieri dei Monti Lattari 1:30.000
Direttore: Claudio Solimene (tel. 348.0536215)

Per i NON SOCI che intendono partecipare OBBLIGATORIA presenza in sede venerdì 5 ottobre 2018 ore 16,00-19,00 per attivazione assicurazione infortuni + R.C. (Euro 6,00)

DESCRIZIONE ITINERARIO

Non certo senza motivo è stato battezzato Sentiero degli Dei: offre una vista favolosa sui paesaggi costieri e montani da Positano a Capri. Si cammina a circa 500 metri sul mare, tra passaggi rocciosi, macchia mediterranea, boschi di leccio e terrazzamenti ricavati sui ripidi versanti.
Continue reading

21 ottobre 2018 – Escursione Monte Fammera

Escursione al Monte Fammera

Parco dei Monti Aurunci  – SENTIERO CAI 914

Intersezionale con il CAI di Esperia

L’escursione inizia da Passo Bastia, Selvacava, frazione di Ausonia (FR), a quota 382 m.s.l.m. Lasciate le auto nell’area di sosta, si imbocca l’impegnativo sentiero CAI 914, ai margini della splendida pineta di Selvacava. Il sentiero sale inizialmente attraverso il bosco, per poi proseguire lungo la parete rocciosa del Fammera, esposta ad oriente. Il sentiero è ben segnato, lo si segue percorrendo pendenze non eccessive, con tratti trasversali, ed offre costantemente una vista spettacolare sulle suggestive pareti a strapiombo da un lato, sulla vallata e i paesi a mezza costa, sugli Aurunci orientali e fino al mare, dall’altro. Presenti tratti su pietraia, con vegetazione tipica della macchia mediterranea degradata (stramma). Si giunge quindi alla sella (Fammera di Spigno), a quota 900 m. circa, dove si incrocia il sentiero CAI 969 proveniente da Spigno: da qui parte l’ultimo tratto, su pietra, che conduce alla cima (1168 m.), e che presenta una pendenza decisamente più accentuata. Il panorama dalla vetta è a 360 gradi, e nelle giornate terse è possibile scorgere verso il mare l’isola di Ischia. Il ritorno segue il medesimo tragitto.

Difficoltà EE

Tempo di percorrenza: 6 h

Lunghezza: 10 km

Quota minima: 382 m.

Quota massima: 1168 m.

Dislivello totale 930m.

Mezzi di Trasporto: auto proprie

Direttore CAI Napoli: Simone Merola – 393.1971038

Direttore CAI Esperia: Simona Migliorelli

 

Scarica carta topografica QUI’

Traccia GPX del percorso

Scarica

30 settembre 2018 – Escursione al Monte Epomeo da Fontana

Epomeo

 

DATA 30 Settembre 2018

ESCURSIONE INTERSEZIONALE CAI CAMPANIA

ASCESA AL MONTE EPOMEO: DA FONTANA A FORIO SEGUENDO LE TRACCE DEL TUFO VERDE SENTIERO CAI 501

DIRETTORI:
FRANCESCO MATTERA (3297448752) – GIOVANNANGELO DE ANGELIS (3485113889)
Dislivello in salita: 200 m
Dislivello in discesa: 1000 m
Durata: 5 ore
Difficoltà: E
Sviluppo del percorso: 12 km
Acqua: non sono presenti fontane o sorgenti lungo il percorso
Attrezzatura necessaria: scarponi da trekking e indumenti a strati tecnici
Attrezzatura aggiuntiva consigliata: bastoncini da trekking.
Mezzi di trasporto: per parte da Napoli: Nave fino ad Ischia (orario di partenza da Napoli ore 6.15 traghetto da Porta di Massa; ore 7.35 aliscafo da Molo Beverello) – Bus fino a Fontana; per chi parte da Ischia: Mezzi propri o bus fino a Fontana
Appuntamento per i soli prenotati: ore 9:00 nella piazza della paese Fontana, raggiungibile con mezzi propri (percorrendo l’anello stradale principale dell’isola) o con bus da Ischia Porto CS o CD. Si fa presente, per chi venisse con mezzi propri, che l’arrivo sarà in una zona diversa della partenza.
Continue reading

Annullamento escursione su via ferrata del 16 settebre 2018

La ferrata non è al momento percorribile, per motivi di salvaguardia dei rapaci rupicoli presenti, in particolare per esigenze di conservazione del Capovaccaio (Neophron percnopterus Linnaeus 1758), ai sensi dell’art. 6 della “Disciplina provvisoria delle attività di arrampicata ed alpinismo del Parco Nazionale del Pollino”, di cui alla determinazione dirigenziale n.701 del 12.10.2017.

La misura ha carattere permanente, verrà rimossa se e quando si accertasse il venir meno delle condizioni per cui è stata emanata.

La documentazione relativa all’interdizione è consultabile sul sito dell’ente, sezione “Ente Parco”, sottosezione “Regolamenti”, nel documento denominato “Interdizione ai sensi del par.6 della disciplina provvisoria delle attività di arrampicata ed alpinismo nel territorio del Parco Nazionale del Pollino sentiero “via delle capre” – Gole del Raganello

Il link è : https://parcopollino.gov.it/l-ente-parco/regolamenti”.

2 settembre 2018 – Monte Scalambra

ESCURSIONE AL MONTE SCALAMBRA (1420 m ) PARTENDO DAGLI ALTIPIANI DI ARCINAZZO

Quota di partenza: m. 880
Quota massima: m. 1420
Dislivello in salita: m. 590
Sviluppo del percorso: km. 12
Durata: ore: 6,00 soste escluse
Difficoltà: E
Tipo: Anello
Equipaggiamento: abbigliamento da montagna a strati, scarponi da trekking, bastoncini telescopici – eventuali – , giacca a vento o mantella, pile leggero, crema solare, occhiali da sole, macchina fotografica.
Colazione: al sacco
Acqua: portarsi almeno 1,5 litri a testa in quanto il sentiero in buona parte è esposto al sole
Mezzi di trasporto: auto proprie
Appuntamento: contattare il direttore di escursione
Direttore: Simone Merola 3931971038 Terenzio De Tommaso

Continue reading

Galleria Foto ESCURSIONE TRAVERSATA DA SAN LAZZARO DI AGEROLA ALLA MARINA DI PRAIA

Campagna “Non Scaldiamo Troppo”

Giovedì 2 agosto a Forio, in piazza San Gaetano, alle ore 18.30

“Non scaldiamoci troppo”, campagna di prevenzione e informazione contro gli incendi boschivi. 
Prevenire gli incendi vuol dire sapere quali sono i comportamenti a rischio e come evitarli, saper riconoscere i focolai pericolosi prima che si trasformino in roghi, sapersi mettere in sicurezza in caso di incendio e conoscere i numeri di emergenza per chiamarli subito.

Il CAI (Club Alpino Italiano), in collaborazione con Legambiente Isola d’Ischia, L’Associazione di volontariato di protezione civile di Forio, l’associazione Gli alberi e noi  e l’associazione Nemo,  promuovono una serie di incontri per affrontare l’argomento. 
Il primo appuntamento dedicato all’informazione ed alla prevenzione degli incendi boschivi si terrà giovedì 2 agosto a Forio, in piazza San Gaetano, alle ore 18.30. Chi è disponibile a partecipare ci contatti.

Scarica la locandina

2 agosto – Firma protocollo CAI – Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

COMUNICATO STAMPA
Il 2 agosto la firma del Protocollo di collaborazione tra CAI e Parco 

Club Alpino Italiano e Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni: un impegno concreto per un modello di gestione ambientale del territorio montano 

Giovedì 2 agosto, alle ore 11, nel Palazzo Mainenti di Vallo della Lucania, sede del Parco Nazionale, si terrà la cerimonia di firma del protocollo di collaborazione tra CAI e Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni. L’intesa verrà siglata dal Presidente Generale del Club Alpino Italiano, Avv. Vincenzo Torti, e dal Presidente del Parco, Dott. Tommaso Pellegrino, nel corso di un incontro cui saranno invitati a partecipare rappresentanti di tutte le aree protette della Campania, amministratori locali e operatori ambientali ed escursionistici. Tale protocollo riconosce il CAI quale soggetto che, attraverso le sue strutture, fornisce collaborazione specifica rivolta alla conoscenza e alla protezione delle risorse naturali che ricadono nel territorio del Parco, sancisce un continuo e reciproco aggiornamento sulle tematiche legate alla frequentazione e alla fruizione di zone sensibili e di particolare valore biologico-paesaggistico e contribuisce a far conoscere al Parco nazionale le esigenze e le aspettative di un vasto pubblico di fruitori. I campi di attività della convenzione sono: sentieristica, rifugi ed opere alpine, escursionismo naturalistico, alpinismo e alpinismo giovanile, speleologia, tutela dell’ambiente montano, conoscenza e conservazione del patrimonio storico e culturale delle Terre Alte e soccorso alpino e speleologico. 

Fin dalla sua fondazione, nel 1863, il Club Alpino Italiano ha proposto un modello di gestione ambientale incentrato sulla relazione uomo-ambiente, pertanto questo protocollo di collaborazione rappresenta uno strumento utilissimo per contribuire alla conoscenza e alla frequentazione intelligente del territorio del Parco, soprattutto grazie al lavoro dei soci e dei volontari della sezione CAI di Salerno e della sottosezione di Montano Antilia, competenti per territorio. Alla cerimonia di firma della convenzione, interverranno il Presidente del Gruppo Regionale Campano del CAI, Raffaele Luise ed il presidente della sezione di Salerno, Ciro Nobile.

Addetto Stampa Regionale Anna Lisa Golvelli