Sabato 25 gennaio 2020 – Presentazione libro

Presentazione del volume

Il sito megalitico presso Torraca. Le coeve e successive testimonianze storiche ed archeologiche nel territorio di Sapri e nel Golfo di Policastro, di Antonio Capano e Pasquale Ferdinando Giuliani Mazzei

Sabato 25 gennaio 2020 – Castel dell’Ovo – presso l’Istituto italiano dei Castelli, ore 10.30

 

Intervengono

Luigi Maglio, Presidente dell’Istituto italiano dei Castelli di Napoli

Vincenzo Di Gironimo, Club Alpino Italiano, Sezione di Napoli

Francesco Bianco, Sindaco di Tortora

Pasquale Ferdinando Giuliani Mazzei, storico

Antonio Capano, archeologo

Scarica la locandina dell’evento

Domenica 26 gennaio 2020 – Escursione rinviata – Con le ciaspole a Monte Secine

Per mancanza di neve, l’escursione del 26 gennaio 2020 è rinviata

 

Monti Pizzi

Escursione con le ciaspole a Monte Secine (1883 m)

Direttore: Simone Merola 393.1971038

Dislivello salita m: 600

Sviluppo del percorso km: 14

Durata ore: 5

Difficoltà: EAI

Colazione: Al sacco

Acqua: Presente lungo il percorso, consigliabile procurarla all’inizio dell’escursione

Mezzi di trasporto: auto proprie

Appuntamento: Contattare il direttore di escursione

Carta dell’escursione: carta CAI Parco della Majella

Equipaggiamento: Scarponi, giacca a vento, abbigliamento a strati da montagna, cappello, occhiali da sole, lampada frontale, racchette da neve, bastoncini telescopici.

Note particolari:

L’escursione parte dalla piazza principale del paese di Gamberale. La località si trova nel Parco nazionale della Majella e fa pare del gruppo montuoso dei Monti Pizzi. Appena poco fuori dal paese si imbocca il primo sentiero che ci porterà nei pressi della Madonna degli Alpini, da dove percorrendo una strada in parte bloccata dalla neve raggiungeremo la località di Sant’Antonio. Il posto si contraddistingue per la presenza di una omonima cappellina, dove si svolge occasionalmente il culto, e di un serie di strutture per la valorizzazione l’avvistamento del cervo. Le strutture fanno parte di una sottostante area di protezione e recupero dei cervi che ricade per la sua estensione nei comuni di Gamberale ed Ateleta e serve principalmente per il ripopolamento e la cura di animali feriti. Una volta abbandonata la struttura di avvistamento dei cervi inizieremo la salita verso il monte Secine in direzione Sud-Ovest passando prima davanti allo stazzo Monte Secine della forestale e la fonte Basilio, e giungendo infine nei pressi della località Passo della Paura. Da questo punto cambieremo direzione di marcia dirigendoci verso fonte Cernaia in direzione Nord-Ovest e successivamente verso il Monte Secine a quota 1883 in direzione Nord-Est. Proseguendo sempre in direzione Nord-Est giungeremo nei pressi della località Serra Tre Monti alla base della quale intercetteremo un comodo sentiero che ci riporterà allo stazzo della forestale incontrato precedentemente, consentendoci così di poter riprendere il sentiero del ritorno.

Leggi e scarica la scheda dell’escursione

Presentato il programma regionale 2020

Presentato a Napoli il Programma regionale CAI 2020 

Sala piena e tante voci alla presentazione del Programma regionale 2020 delle sezioni CAI della Campania, organizzata dalla sezione di Napoli il 18 gennaio, presso la Società dei Naturalisti in Napoli che ci ha ospitati nella bella sede all’interno dell’Università Federico II.

Il presidente del CAI Napoli Umberto Del Vecchio ha presentato la sezione, che fra uscite in montagna e in grotta, attività culturali in ambiente e al Museo di etnopreistoria, corsi e stage, ha un calendario denso e vario.

Ha accolto gli intervenuti il prof. Antonino Pollio, presidente della Società dei Naturalisti in Napoli, che ha ricordato come l’associazionismo sia nato dal basso, per la necessità di condividere passioni e coltivare interessi culturali e scientifici, per tenersi al corrente delle novità in un mondo in continuo cambiamento, discuterle e contribuirvi. La conoscenza del territorio e della natura è solo uno dei comuni denominatori che avvicinano la Società dei Naturalisti al CAI: il passo è breve per pensare presto a nuovi progetti insieme.

Ospite graditissimo è stato l’Assessore all’ambiente del comune di Napoli Raffaele Del Giudice, venuto a salutarci in rappresentanza del Sindaco Luigi De Magistris e che ha presentato il progetto La città verticale, volto alla riqualificazione delle scalinate e dei percorsi pedonali cittadini per l’integrazione di  verde urbano, itinerari turistici ed emergenze architettoniche e monumentali: una nuova progettualità che favorirà i trekking urbani, già spesso programmati da tante sezioni attratte dalla nostra corona di colline sul mare.

Con Raffaele Luise, presidente del Raggruppamento regionale CAI della Campania, entriamo nel vivo delle attività del sodalizio. Insistendo sull’urgenza del rispetto dell’ambiente e sulla necessità del corretto comportamento in montagna, ha messo in rilievo le molteplici attività delle sezioni campane che, anche in questo senso, possono veicolare messaggi importanti.

Si è concentrato nello specifico del Programma Alfonso De Cesare, presidente della Commissione regionale Escursionismo e curatore, insieme a Vincenzo Auletta e Ugo Lazzaro, del volumetto che riunisce il programma delle attività del CAI in Campania, giunto alla sua 17° edizione. Preziosa fonte di informazioni sulle otto sezioni e tre sottosezioni della regione e su tutti gli organi, strutture e commissioni nelle quali si articolano le varie attività, aggiornato con tutti i contatti e riferimenti per raggiungere ciascun referente, costruito per illustrare mese per mese le attività delle sezioni, i corsi e gli stage, le iniziative culturali nelle sedi e fuori, la reperibilità del Corpo nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico, le scale delle difficoltà e le linee guida per la partecipazione alle escursioni, questo libretto che supera le 100 pagine è il vademecum dei soci e di chiunque voglia venire con noi, dotato anche di un indice analitico per luoghi e date che ne facilita la consultazione.

Fra i tanti ambiti di attività del CAI, Ciro Nobile, presidente della Commissione regionale di Alpinismo giovanile, ha evocato con belle foto l’impegno di alcune sezioni con i ragazzi, che partecipano, anche con le scuole, a progetti di diffusione nazionale, come La scuola adotta un sentiero.

L’attività tecnica e didattica delle sezioni campane si esprime anche con la Scuola Bel Sud, la più meridionale delle scuole di alpinismo del CAI, presentata dall’istruttore Andrea Sgrosso della sezione di Napoli, che ha insistito sul patrimonio di conoscenza ed esperienza che il CAI trasmette agli allievi dei corsi, consentendo loro di imparare a considerare non solo gli ambienti e le difficoltà che vanno ad affrontare, ma anche se stessi, per amare la montagna e la roccia e fare alpinismo nelle condizioni migliori.

A conclusione della mattinata, alcuni interventi arricchiscono il nostro incontro: Ferdinado Della Rocca, rappresentante del CAI nel Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni ha illustrato le tante possibilità di collaborazione con i Parchi; Giovannangelo De Angelis, reggente della sottosezione di Ischia, ha presentato il Festival della natura che si organizza sull’isola, oltre al progetto estensivo di mappatura e segnatura dei sentieri. Maria Giovanna Canzanella, coordinatrice nazionale delle biblioteche sezionali, evoca l’impegno delle sezioni nella cura e valorizzazione del loro patrimonio documentario. Chiude l’incontro il sincero intervento di Carla Possanzini, socia di lunga data attraverso lo Stivale, che porta la voce del “socio comune”, grato, ed è bello sentirlo, per quanto può condividere fra tutti noi.

Leggi e scarica il Programma regionale CAI Campania 2020

sabato 18 gennaio 2020 – Presentazione del programma regionale delle attività

            

 

La Commissione Regionale Escursionismo e

il Raggruppamento Regionale della Campania

sono lieti di invitarVi alla

Presentazione del Programma regionale CAI delle attività per l’anno 2020

Sabato 18 gennaio 2020 – ore 10.00

Presso la Società dei Naturalisti in Napoli  –  Via Mezzocannone, 8

 

Intervengono

Umberto Del Vecchio, Presidente della sezione CAI Napoli

Antonino Pollio, Presidente della Società dei Naturalisti in Napoli

Raffaele Luise, Presidente del Raggruppamento regionale CAI Campania

Alfonso De Cesare, Presidente della Commissione regionale escursionismo CAI Campania

Ciro Nobile, Presidente della Commissione regionale di alpinismo giovanile

Davide Di Giosaffatte, Direttore della Scuola Bel Sud

Info e contatti: comunicai@cainapoli.it ­ cell. 338.877.28.72

Leggi e scarica la locandina

Leggi e scarica il Programma regionale 2020

Domenica 19 gennaio 2020 – Escursione – Monti venafrani

Monti Venafrani

Monte Santa Croce da Conca Casale (1026 m)

Direttori d’escursione: Eugenio Simioli 338 7317749 e Walter Iannaccone

Dislivello: 450 m – Percorso: ad anello – Durata: 6 ore soste escluse – Difficoltà: E

Criticità: percorso innevato, piccolo tratto esposto, discesa su percorso accidentato.

Equipaggiamento: Abbigliamento invernale, giacca a vento, guanti e cappellino in pile, mantellina per la pioggia, obbligatori gli scarponcini invernali, utilissimi i bastoncini telescopici. Ricambio completo da lasciare in auto in caso di bagnata. Colazione al sacco, acqua.

Mezzi di trasporto: auto proprie.

Iscrizione all’escursione entro venerdì 17 gennaio; per i non soci assicurazione CAI obbligatoria di 8,50 euro.

Descrizione del percorso: Breve ma bellissima escursione ad anello da Conca Casale, che sale fino al Monte Santa Croce. La vista spazia sulle cime del massiccio del Matese fino ad arrivare alle Mainarde.
Il percorso parte su comoda mulattiera per poi diventare sentiero al valico per la Portella. Infine il sentiero sale per comode roccette fino alla cima della Monte Santa Croce. Il sentiero poi riprende per una traccia fino ad un valico che poi ridiventa sentiero fino al paese.  

Il mio ricordo di questa escursione è la sensazione di vivere in un luogo dove il tempo si è fermato.  Il silenzio è surreale, poiché non proviene solo dalla natura di per sé silenziosa ma anche dal paesino abitato dove non vi sono auto in movimento.  La sensazione che si vive è di grande calma. Relazionarci amichevolmente in questa atmosfera diventa più facile e sicuramente lo spirito che viene a crearsi più gioioso.

Curare l’abbigliamento, avere spirito collaborativo e seguire le indicazioni del direttore di escursione è parte essenziale per trascorrere tutti una giornata come descritta.

È anche opportuno e necessario uno scambio di informazioni con il direttore dell’escursione per chiarimenti e rassicurazioni reciproche oltre che per conoscere orari e luoghi d’appuntamento.

Leggi e scarica la scheda dell’escursione con i cenni storici su Conca Casale

Tutela ambiente montano: riaperte le candidature per la campania


La Commissione regionale TAM riapre le candidature

Vista la possibilità di allargare il numero dei consiglieri della CRTAM Campana e per meglio distribuire le forze sul territorio regionale, la Commissione TAM può essere completata con un settimo componente.

Le candidature, rivolte sia agli Operatori sezionali TAM (OSTAM) che ai non titolati, vanno inviate, con una breve motivazione e illustrazione dell’eventuale attività svolta nell’ambito delle tematiche di tutela dell’ambiente montano, e vidimate dal Presidente di sezione, entro il 24 gennaio 2020, al Presidente della CRTAM, mail cteodonno@alice.it.

Info e contatti: Ciro Teodonno, Presidente CRTAM: cell. 333.474.29.44 – mail: cteodonno@alice.it

26 luglio-2 agosto 2020 Settimana verde – San Martino di Castrozza – Iscrizioni aperte

Club alpino italiano – Sezione di Napoli

 26 luglio-2 agosto 2020 – Settimana verde San Martino di Castrozza

Iscrizioni aperte

Sono aperti  i versamenti  dell’anticipo di  € 150,00. I bonifici devono essere effettuati sul conto della Sezione di Napoli, Iban  IT47E0623003539000035438155.

Affrettarsi, posti limitati! Saranno prenotate solo le persone con anticipo effettuato fino ad esaurimento dei posti. Comunicare l’avvenuto versamento ad Antonio Fiorentino

 

Direttore: Antonio Fiorentino 333.7373.268

Trasferimento treno —- bus turistico

Regolamento

La settimana verde della Sezione di Napoli si svolgerà a San Martino di Castrozza m. 1487 (Trentino) dal 26 luglio al 2 agosto (7 notti).

La sistemazione alberghiera sarà presso Hotel Cristallo & hotel Orsingher di fratelli Taufer, tre stelle superiore a cento metri dal centro. Trattamento di ½ pensione con ingresso centro benessere Enrosadira. Per l’ingresso al centro benessere sono obbligatori costume da bagno, cuffia, ciabatte e scarpe da ginnastica pulite; possibilità di noleggiare telo/accappatoio al costo di € 7,00 al pezzo per l’intero periodo.

Trattamento di ½ pensione sette notti in camera doppia € 690,00, supplemento stanza singola 10%, doppia uso singola 30%, compreso acqua e vino. 

Il bus turistico sarà a disposizione del gruppo per l’intero periodo di permanenza in Trentino.

Il costo del trasferimento in treno è a carico del Socio. Appuntamento per i partecipanti ore 16 alla stazione di Trento, da stabilire orario di incontro nel caso di viaggio di notte in treno cuccette, per recuperare un giorno.

Data la disponibilità limitata delle camere si consiglia di prenotare tempestivamente.

È stabilito un primo acconto di € 150 a persona entro il 10 febbraio, un secondo acconto di € 250 a persona entro il 10 aprile, il saldo entro il 30 maggio 2020.

Sono ammessi soltanto i Soci del Cai in regola all’atto della prenotazione

I Soci che, dopo il versamento degli acconti, intendano recedere dalla prenotazione, avranno diritto alla restituzione dell’intera somma versata se il loro posto sarà preso dal primo dei prenotati non inseriti oppure, in mancanza, da un nuovo prenotato procurato dallo stesso socio che intende recedere.

Entro il 10 maggio il gruppo sarà convocato per la presentazione del programma della settimana

Pagamento degli acconti presso la segreteria del Cai o con bonifico bancario Cariparma IT47E0623003539000035438155

Leggi e scarica la scheda della Settimana verde

 

Scuola Bel sud – programma attività 2020

Scuola Bel Sud

Programma attività 2020

  • CORSO – CASCATE DI GHIACCIO periodo febbraio/marzo 2020, con possibilità di abbinare uscite di alpinismo invernale in appennino ed in collaborazione con altra scuola. (Direttore del corso – Davide Di Giosafatte INA, INSA, GA)

  • CORSO o stage di SCIALPINISMO – SA1 – periodo febbraio/aprile 2020 (Direttore Guglielmi Giancarlo INSA),

  • CORSO ARRAMPICATA LIBERA – AL1 – si svilupperà in due moduli di tre giorni preferibilmente nei weekend  di maggio 2020 (Direttore Paola Ferrara IAL – vice Direttore Nicola Caiazza IAL)

  • STAGE FERRATE periodo settembre/ottobre 2020 (Direttore Guglielmi Giancarlo INSA),

  • CORSO ALTA MONTAGNA – AR2 – in collaborazione con altra scuola, periodo fine luglio 2020 (Direttore Davide Di Giosaffatte INA, INSA, GA)

  • STAGE ALPINISMO/ROCCIA periodo metà settembre 2020 (Direttore Andrea Sgrosso IAL – vice Direttore Francesco Sorgente IAL)

Vai al sito della Scuola Bel Sud per maggiori info

Domenica 12 gennaio 2020 – Escursione – Parco regionale del Partenio

Parco regionale del Partenio – Da Ospedaletto di Alpinolo al Santuario di Montevergine

“Torna il lupo a Montevergine” (sesta edizione)

Responsabili: Alberta Acone (320.312.9873) Luigi Iozzoli (335.564.5512)

Escursione con autobus al raggiungimento del congruo numero di partecipanti (rivolgersi ad Antonio Fiorentino, cell. 333.737.3268)

 

Percorso:  andata e ritorno. Sentiero 200GTP (tappa 89 SI). Ospedaletto (720); Sedia della Madonna (904); Casone (956); Tiglio sacro e intersezione sentiero 201 (995); Belvedere (1127); monastero di Montevergine (1272).
Dislivello : 552 m – Durata : 2,5 ore Difficoltà: E – Inizio escursione: ore 9:45
Note descrittive: Monte Vergine (1493) dalle cui pendici parte la nostra escursione, si trova nel parco regionale del Partenio, verso l’estremità est del gruppo montuoso, nella provincia di Avellino. Anche quest’anno (per la quinta volta di seguito) riporteremo dei lupi ai piedi di San Guglielmo ricordando la tradizione medioevale dell’addomesticamento del lupo da parte del Santo fondatore del monastero. Oltre questo storico (re)incontro avremo anche la possibilità di visitare alcuni ambienti del monastero e conoscerne la storia quasi millenaria.
Il sentiero che percorreremo è il tradizionale e antichissimo cammino utilizzato dai pellegrini che, da tutta la Campania, si recavano a omaggiare la Madonna Nera del Monte: Mamma Schiavona. Lungo il sentiero si incontrano strategici punti panoramici da cui è possibile abbracciare con lo sguardo quasi tutta la valle del Sabato e lo splendido panorama dei monti Picentini prospicienti ma anche il Vesuvio, i Lattari e Capri. Arrivati all’Abbazia saremo accolti dai Padri Benedettini, che ci guideranno nella visita di alcuni ambienti particolari del convento. Giunti al convento chi vorrà potrà visitare il nuovo allestimento museale di particolare interesse archeologico (euro 3 ingresso museo).
Percorso del ritorno: il percorso del ritorno segue quello dell’andata.
Criticità: Il sentiero non presenta particolari criticità, né tratti
particolarmente esposti eccetto l’alternanza di tratti sterrati a quelli pavimentati, caratterizzati da pietre instabili e scavati da vie d’acqua di ruscellamento. Inoltre vi sono alcuni e brevi attraversamenti della via carrozzabile. Il primo tratto di sentiero è stato lastricato con grossi basoli sdrucciolevoli.
Acqua: si trova alla partenza da Ospedaletto (Fontana del Tritone) e all’arrivo nella piazzetta antistante il monastero di Montevergine.
Attrezzatura necessaria: abbigliamento invernale (possibile presenza neve) e idonee scarpe da escursione; bastoncini; ghette e mantellina anti pioggia; guanti; macchina fotografica.
Cartografia: nuova carta del Parco del Partenio (1:25000) edita dall’Ente Parco e dal CAI Campania reperibile nelle sedi del Parco.
Costo di partecipazione per i Soci CAI : quota a copertura del costo dell’eventuale pullman per chi viene da Napoli. Prenotazione pullman entro venerdì 10 gennaio.
Costi per i non Soci CAI: euro 8,50 (assicurazioni), da versare necessariamente in sede, il venerdì precedente l’escursione.

Leggi e scarica la scheda dell’escursione